Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco

menu facilité

saut à:
contenu. recherche, section. langues, menu. utilité, menu. principal, menu. chemin, menu. bas page, menu.

Giovanni Barracco nait le 28 avril 1829 à Isola Capo Rizzuto, en Calabre ionique, huitième de douze enfants d’une noble famille d’origine très ancienne.
L’apogée de la richesse des Barracco, qui lient leur histoire avec celle du latifundium calabrais, peut être fixé en 1868 quand, à travers les documents des archives de famille, il s’avère que la propriété avait atteint les 30.

L’élégant édifice du XVIe siècle qui accueille la collection Barracco fut construit entre 1520 et 1523 pour le prélat breton Thomas le Roy, arrivé à Rome en 1494 à la suite de Charles VIII et actif dans la curie romaine sous les pontificats d’Alexandre VI, Jules II, Léon X et Clément VII.

On trouve confirmation du nom du propriétaire et de la date de construction sur deux pierres

30/12/2016 - 17/09/2017
La mastaba du dignitaire Nefer
Expositions

Le très précieux relief funéraire du Nefer, datable du règne du pharaon Khéops: une reconstitution 1:1 de la structure de la chapelle funéraire et une très riche documentation graphique, photographique et multimédia pour en décrire l'espace intérieur.

En évidence

19 septembre 2016 - 31 mai 2017
Vari luoghi
Didactique pour les écoles

Bulletin

Recevez par mail toutes les nouveautés des Musei in Comune.

Pour les abonnés à la newsletter 10% de réduction en librairie musée + entrée réduits à des expositions.

En cours

Expositions et Evénements

La mastaba du dignitaire Nefer
30 décembre 2016 - 17 septembre 2017
Expo

En programme

Expositions et Evénements

25 juillet 2017
Evénement

Multimédia

#Capolavori Testa di Centauro, copia romana da originale del II sec. a.C. in marmo asiatico, nella collezione del #MuseoBarracco di #Roma. Concludiamo la nostra giornata di #SanValentino dedicata all'amore dell'arte con questa testa, dall’espressione fort
#Capolavori Statuetta di #Herakles, copia romana del I sec. d.C. da originale greco di Policleto (seconda metà V sec. a.C.), ora nella collezione permanente del #MuseoBarracco di #Roma. Nella statuetta, di dimensioni ridotte rispetto all’originale, si dev
Roma è inconoscibile, si rivela col tempo e non del tutto. Ha un’estrema riserva di mistero e ancora qualche oasi. ~Ennio Flaiano #Buongiorno e buon sabato dal #MuseoBarracco di #Roma #art #museum #architecture #Rome
#MuseoBarracco #Repost @getdomi with @repostapp ・・・ Giano the first 100% Roman/Italian deity, venerated as father of all gods-of endings and beginnings past and future of creation and nearly everything else. The Gianicolo and January are named after him -
La vita è così orribile che la si può sopportare soltanto fuggendola. E lo si fa vivendo nell’arte, — Gustave Flaubert #Buongiorno dal #MuseoBarracco di #Roma.
#Capolavori "Stele della falsa porta" del dignitario Nefer vissuto in Egitto ai tempi della IV Dinastia. Nefer ebbe l’onore di essere sepolto in una màstaba del cimitero reale ai piedi della grande piramide di Cheope. Le màstabe (dalla parola araba che si
#Capolavori Statua di Bes, scultura in marmo di epoca romana esposta al #MuseoBarracco di #Roma. Il dio è particolarmente venerato in Egitto e viene spesso rappresentato come un nano dal volto distorto da una smorfia. La sua funzione principale è quella m
Il #MuseoBarracco di #Roma. #Repost @anto_ar91 with @repostapp ・・・ Window #vsco#culture#Rome#light
#Capolavori Torso di Amazzone ferita, copia romana da originale greco della seconda metà V sec. a.C. in marmo pentelico esposta nella sala deidcata all'arte greca del #MuseoBarracco. Si tratta di due frammenti (MB 102 - MB103) appartenenti alla stessa sta
#Buongiorno dal #MuseoBarracco di #Roma. In una preziosa cornice architettonica cinquecentesca, situata tra #PiazzaNavona e Campo de’ Fiori, si è conservata intatta una straordinaria raccolta di sculture antiche formata tra la fine dell’800 e l’inizio del
Passi echeggiano nella memoria, lungo il corridoio che mai prendemmo, verso la porta che mai aprimmo, — TS Eliot. #Buongiorno dal #MuseoBarracco di #Roma.
Scoprite la vostra anima gemella tra le opere dei #MuseiinComune di #Roma​ Testa femminile #MuseoBarracco Le folte ciocche ondulate sono trattenute da serpenti intrecciati: è forse una Gorgone o una divinità etrusca? Di certo questa scultura in calcare è
#Capolavori Testa maschile frammentaria, copia romana da originale greco del IV sec. a.C. in marmo pentelico, ora nel #MuseoBarracco di #Roma. Testa di raffinata esecuzione che rappresenta la copia romana da una statua di Ercole realizzata nell’ambito del
#Capolavori Clessidra ad acqua, scultura di epoca tolemaica [Tolomeo II Filadelfo (285-246 a.C.)], nella collezione del #MuseoBarracco di #Roma. Si tratta del prezioso frammento di un orologio in cui il lento defluire dell’acqua segnava il trascorrere del
#Capolavori Maschera di mummia, monumento e arredo funerario di epoca tolemaica, presenta caratteristiche riconducibili ad una tipica produzione egiziana: essa infatti, destinata a coprire la testa della mummia ricordando i tratti somatici della defunta,
#repostapp #museiincomune #museobarracco
#Clessidra ad acqua (285-246 a.C.) nel #MuseoBarracco di #Roma. #Repost @julie_bonjourparis with @repostapp
#Capolavori Statuetta di #Nettuno, scultura in marmo pentelico esposta al #MuseoBarracco di #Roma. Le dimensioni ridotte fanno pensare ad una sua utilizzazione come decorazione di una casa. Il modello cui fa riferimento la scultura risente degli echi dell
#Capolavori "Testa di Doriforo (portatore di lancia)", scultura in marmo pentelico, copia tardo-ellenistica da originale greco di Policleto (seconda metà V sec. a.C.), esposta nel #MuseoBarracco di #Roma La magnifica copia, rinvenuta nelle terme di Caraca
#Buongiorno dal #MuseoBarracco di #Roma. Il Museo conserva intatta la straordinaria raccolta di sculture antiche formata tra la fine dell’800 e l’inizio del ‘900 dal colto collezionista Giovanni Barracco, barone calabrese e membro del Parlamento dell’Ital
Flickr

de nouveau au menu facilité.